Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Ematobase.it

Efficacia di Remibrutinib nel trattamento dell'orticaria spontanea cronica da moderata a grave


Secondo uno studio Remibrutinib è apparso molto efficace nel trattamento dell'orticaria cronica spontanea da moderata a grave, con una rapida insorgenza d'azione e un profilo di sicurezza favorevole.

L'orticaria cronica spontanea ( CSU ) è una malattia dolorosa e imprevedibile, caratterizzata dalla comparsa di pomfi pruriginosi ( orticaria ), angioedema o entrambi per 6 settimane o più, senza causa nota, e può avere un forte impatto negativo sulla qualità di vita dei pazienti.
Inoltre, nonostante i trattamenti esistenti, circa il 60% dei pazienti non-raggiunge il controllo completo dopo trattamento di prima linea con gli antistaminici.

Lo studio randomizzato, in doppio cieco di fase 2b ha incluso 311 pazienti di età pari o superiore a 18 anni ( età media, 45 anni; 71.4% donne ) con orticaria cronica spontanea moderatamente o più attiva non-controllata in modo adeguato con gli antistaminici H1 di seconda generazione.

Oltre a ricevere un antistaminico H1 di seconda generazione, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 10 mg ( n = 44 ), 35 mg ( n = 44 ) o 100 mg ( n = 47 ) di Remibrutinib una volta al giorno; 10 mg ( n = 44 ), 25 mg ( n = 44 ) o 100 mg ( n = 45 ) due volte al giorno, oppure placebo ( n = 43 ) per 12 settimane.

I pazienti hanno anche registrato segni e sintomi di orticaria in un diario giornaliero elettronico, incluso un punteggio di attività dell'orticaria ( UAS ).

Gli endpoint principali dello studio erano: variazione del punteggio UAS settimanale ( UAS7 ) dal basale alla settimana 4 e la sicurezza.

Tutte le dosi di Remibrutinib hanno migliorato significativamente i segni e i sintomi della orticaria cronica spontanea rispetto al placebo.

Complessivamente, si è verificata una variazione dose-risposta di Remibrutinib nel punteggio UAS7 rispetto al basale versus placebo ( P inferiore a 0.0001 ).

Inoltre, tutte le dosi di Remibrutinib hanno mostrato miglioramenti statisticamente significativi nelle variazioni minime medie del punteggio UAS7 dal basale alla settimana 4 rispetto al placebo, inclusi -19.1 per le dosi giornaliere da 10 mg e 35 mg, -14,7 per le dosi giornaliere da 100 mg dose, -16 per la dose da 10 mg due volte al giorno, -20 per la dose da 25 mg due volte al giorno e -18,1 per la dose da 100 mg due volte al giorno, rispetto a -5.4 per il placebo ( P nominale inferiore a 0.001 per tutte le dosi rispetto al placebo ).

Questi cambiamenti nel punteggio UA7 che rappresentano miglioramenti clinici sono stati osservati già dalla settimana 1 e si sono mantenuti fino alla settimana 12 per tutte le dosi, con differenze significative rispetto al placebo ( P inferiore a 0.005 ).

Ogni singolo gruppo di dosaggio di Remibrutinib ha avuto un numero maggiore di pazienti che hanno ottenuto una risposta completa al trattamento, definita come un punteggio UAS7 di 0, e una malattia ben controllata, definita come un punteggio UAS7 di 6 o meno, nel tempo e durante la settimana 12 rispetto al gruppo placebo.
Il gruppo che ha ricevuto 25 mg due volte al giorno ha mostrato la percentuale più alta di raggiungimento di UAS7 di 0 ( 41.9% vs 14.3% ) e di UAS7 di 6 o inferiore ( 55.8% vs 28.6% ) rispetto al gruppo placebo.

Il 58.1% dei pazienti ha riportato almeno un evento avverso ( lieve, 38.6%; moderato, 16.9%; grave, 2.6% ).
Gli eventi avversi più comuni includevano: infezioni e infestazioni nei gruppi Remibrutinib ( 24% ) e nel gruppo placebo ( 21.4% ), seguiti da disturbi della pelle / del tessuto sottocutaneo nel gruppo Remibrutinib ( 16.9% ) e disturbi del sistema nervoso nel gruppo placebo ( 16.7% ).

L'1.9% ( n = 5 ) dei pazienti trattati con Remibrutinib ha manifestato eventi avversi gravi, tre di questi non-correlati al trattamento e due che lo erano: riacutizzazione o aggravamento della orticaria spontanea cronica e ascesso renale.

Non ci sono stati decessi.

In conclusione, Remibrutinib ha dimostrato una solida efficacia clinica, un rapido inizio d'azione e un profilo di sicurezza favorevole con un'ampia gamma di dosi, indicando il suo potenziale come opzione di trattamento orale per i pazienti con orticaria spontanea cronica da moderata a grave.

Remibrutinib è un inibitore della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) altamente selettivo con un profilo rischio / beneficio favorevole nell'intero intervallo di dosaggio testato nello studio. ( Xagena2022 )

Fonte: Journal of Allergy & Clinical Immunology, 2022

Allergo2022 Farma2022



Indietro