Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Xagena Salute

Esiti sostenuti dell'immunoterapia orale per l'allergia alle arachidi: studio POISED


Per le allergie alle arachidi si raccomanda di evitarle nella dieta. Uno studio randomizzato a lungo termine su adulti e bambini ha valutato gli effetti sostenuti dell'immunoterapia orale ( OIT ) con allergia alle arachidi.

Nello studio di fase 2 randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo POISED sono stati arruolati partecipanti al Sean N Parker Center for Allergy and Asthma Research presso la Stanford University ( Stanford, California, USA ) con allergia alle arachidi di età compresa tra 7 e 55 anni con risultato positivo a un test alimentare in doppio cieco, controllato con placebo ( DBPCFC; 500 mg o meno di proteina di arachidi ), risultato positivo a un test cutaneo ( SPT ) ( 5 mm o più di diametro superiore al controllo negativo ) e concentrazione di immunoglobulina E ( IgE ) specifica per le arachidi superiore a 4 kU/l.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 4.000 mg di proteine ​​di arachidi fino alla settimana 104, quindi l’assunzione è stata interrotta ( gruppo arachidi-0 ), a 4.000 mg di proteine ​​di arachidi fino alla settimana 104, quindi a ingerire 300 mg di proteine ​​di arachidi al giorno ( gruppo arachidi-300 ) per 52 settimane o a ricevere farina di avena ( gruppo placebo ).

DBPCFC a 4.000 mg di proteina di arachidi sono stati eseguiti al basale e nelle settimane 104, 117, 130, 143 e 156. La farina di arachidi o di placebo ( avena ) è stata somministrata per via orale.

L'endpoint primario era la percentuale di partecipanti che hanno superato il test DBPCFC a una dose cumulativa di 4.000 mg sia a 104 che a 117 settimane.
L'analisi di efficacia primaria è stata effettuata nella popolazione intention-to-treat. La sicurezza è stata valutata nella popolazione intention-to-treat.

Tra il 2014 e il 2016, su 152 persone valutate, sono stati arruolati 120 partecipanti, assegnati in modo casuale ai gruppi arachidi-0 ( n=60 ), arachidi-300 ( n=35 ) e placebo ( n=25 ).
21 ( 35% ) dei partecipanti al gruppo arachidi-0 e 1 partecipante ( 4% ) del gruppo placebo hanno superato il test di 4.000 mg a 104 e 117 settimane ( odds ratio, OR=12.7; P=0.0024 ).

Durante l'intero studio, gli eventi avversi più comuni sono stati lievi sintomi gastrointestinali, che sono stati osservati in 90 pazienti su 120 ( 50/60 nel gruppo arachidi-0, 29/35 nel gruppo arachidi-300 e 11/25 nel gruppo placebo ) e disturbi della pelle, che sono stati osservati in 50/120 pazienti ( 26/60 nel gruppo arachidi-0, 15/35 nel gruppo arachidi-300 e 9/25 nel gruppo placebo ).

Gli eventi avversi sono diminuiti nel tempo in tutti i gruppi. Due partecipanti ai gruppi arachidi hanno manifestato eventi avversi gravi durante lo studio di 3 anni. Nel gruppo arachidi-0, in cui 8 dei 60 partecipanti ( 13% ) hanno superato i test DBPCFC alla settimana 156, un più elevato rapporto al basale IgG4-IgE specifico per le arachidi e la più bassa risposta IgE ad Ara h2 e la più bassa attivazione di IgB, al basale, sono state associate a una mancata risposta.

Non si sono verificati decessi correlati al trattamento.

Lo studio ha indicato che l'immunoterapia orale per le arachidi potrebbe desensibilizzare le persone con allergia alle arachidi a 4.000 mg di proteina di arachidi, ma l'interruzione, o addirittura la riduzione a 300 mg al giorno potrebbe aumentare la probabilità di riguadagnare la reattività clinica alle arachidi.
Poiché gli esami del sangue al basale erano correlati agli esiti del trattamento della settimana 117, questo studio potrebbe aiutare nella selezione ottimale dei pazienti per questa terapia. ( Xagena2019 )

Chinthrajah RS et al, Lancet 2019; 394: 1437-1449

Allergo2019 Nutro2019 Farma2019


Indietro