Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Dermabase.it

L’immunoterapia sottocutanea è promettente nelle esacerbazioni allergiche di asma


L'uso dell'immunoterapia sottocutanea ( SCIT ) ha dimostrato efficacia nei bambini con esacerbazioni asmatiche allergiche da moderate a gravi, ma è necessaria una valutazione approfondita del rapporto beneficio-rischio e dello stato di salute del paziente, in base ai risultati di uno studio retrospettivo condotto nel Dipartimento di allergologia di un Centro di cura di Parigi, Francia.

Sono stati esaminati i dati di bambini di età compresa tra 6 e 18 anni che hanno ricevuto immunoterapia sottocutanea per un episodio allergico documentato dovuto a Dermatophagoides pteronyssinus tra il 1990 e il 2016.
I bambini con asma da moderato a grave basato sui criteri GINA ( Global Initiative for Asthma ) sono stati inclusi per l'analisi.
Non è stata eseguita l'immunoterapia sottocutanea in concomitanza con altri allergeni.

Sono state somministrate iniezioni dopo aver controllato per l'asma durante le 4 settimane precedenti.

L'immunoterapia sottocutanea ha incluso una fase di accumulo di 1 giorno al mese per 4 mesi ( dose cumulativa di Dermatophagoides pteronissinus: da 0.6 a 10 microg di IRIS ).
Durante questa fase, sono state somministrate da 4 a 8 iniezioni sottocutanee in un solo giorno a intervalli di 20 minuti.
Questa fase di accumulo è stata seguita da una fase di mantenimento, in cui è stata somministrata 1 iniezione mensile di Dermatophagoides pteronissinus.

La sensibilizzazione a qualsiasi aeroallergene è stata definita da una specifica  immunoglobulina E ( IgE ) maggiore o uguale a 0.35 kU/l.

Complessivamente, il 56% dei bambini analizzato ha avuto una o più reazioni avverse durante l'immunoterapia sottocutanea, il che ha causato 73 reazioni avverse ( 2% delle 3.455 iniezioni effettuate ).
Inoltre, il 33% dei bambini ha avuto reazioni multiple e il 22% ha avuto una reazione sistemica, che ha rappresentato lo 0.5% di tutte le iniezioni somministrate.

Dei bambini che hanno avuto una reazione sistemica, il 3% ha avuto una reazione sistemica di grado 1, il 19% ha avuto una reazione sistemica di grado 2, e 1 paziente ha avuto una reazione sistemica di grado 3 che ha richiesto l'uso di Epinefrina.

La maggior parte delle reazioni avverse dei bambini ( 89%, 65 su 73 reazioni avverse ) sono state registrate durante la fase di accumulo.
Inoltre, tutte le reazioni sistemiche di grado 2 e di grado 3 si sono verificate durante la fase di accumulo e hanno provocato l'interruzione della terapia SCIT in tutti i pazienti.

Durante la fase di mantenimento, circa il 20% dei bambini ha interrotto la terapia SCIT: l’8% a causa di asma incontrollato, il 4% a seguito di ripetute reazioni locali fastidiose, il 7% a causa della mancanza di compliance e l'1% a causa di un cambiamento del luogo di residenza.

Il tasso medio di esacerbazioni asmatiche è diminuito significativamente da 2.1 a 0.38 dopo 1 anno di SCIT ( P minore di 0.001 ) e a 0.44 dopo 3 anni ( P=0.01 ).

La dose media di equivalente di Fluticasone propionato ( EFP ) utilizzata è diminuita significativamente da 500 microg/die dopo 1 anno ( P minore di 0.001 ) a 200 microg/die dopo 3 anni di terapia SCIT ( P=0.01 ).

L'impiego della immunoterapia sottocutanea è stato associato a una diminuzione precoce delle esacerbazioni gravi dell'asma, nonostante una riduzione della dose di Fluticasone propionato utilizzata, in una popolazione pediatrica.
Uno studio prospettico, randomizzato, controllato con placebo, è necessario per confermare questi risultati. ( Xagena2018 )

Fonte: Annals of Allergy, Asthma & Immunology, 2018

Pneumo2018 Med2018 Pedia2018



Indietro