Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
XagenaNewsletter

Sicurezza ed efficacia della immunoterapia sublinguale e orale nei pazienti con allergia al latte


La immunoterapia orale ( OIT ) e sublinguale ( SLIT ) sono potenziali terapie per l'allergia alimentare, ma il metodo ottimale di somministrazione, il meccanismo d'azione e la durata della risposta non sono noti.

Sono stati randomizzati i bambini con allergia al latte vaccino a immunoterapia sublinguale da sola o immunoterapia sublinguale seguita da immunoterapia orale.

Dopo stimolazioni alimentari di screening in doppio cieco, controllate con placebo e iniziale immunoterapia sublinguale a dose scalare, i soggetti hanno proseguito con immunoterapia sublinguale scalare a 7 mg al giorno o hanno iniziato la immunoterapia orale a 1000 mg ( gruppo OITB ) o 2000 mg ( gruppo OITA ) di proteine del latte.

I pazienti sono stati stimolati con 8 g di proteine del latte dopo 12 e 60 settimane di mantenimento.
Nel caso di superamento della prova di 60 settimane, la terapia veniva interrotta, con stimolazione ripetuta 1 e 6 settimane dopo.

I correlati meccanicistici hanno incluso la titolazione del skin prick test e la misurazione dei livelli di IgE e IgG 4 latte vaccino-specifici, il rilascio di istamina dai basofili, l'espressione di CD63 costitutivo, l'espressione di CD203c e i livelli di tirosin-chinasi splenici.

Un totale di 30 soggetti con allergia al latte vaccino di età compresa tra 6 e 17 anni sono stati arruolati.

Dopo la terapia, 1 su 10 soggetti del gruppo immunoterapia sublinguale, 6 su 10 soggetti nel gruppo SLIT/OITB e 8 su 10 soggetti nel gruppo OITA hanno superato la stimolazione con 8 g ( P=0.002, SLIT vs OIT ).

Dopo interruzione, 6 su 15 soggetti ( 3 su 6 soggetti del gruppo OITB e 3 su 8 soggetti del gruppo OITA ) hanno riacquistato reattività, 2 dopo solo 1 settimana.

Anche se la velocità di reazione globale è risultata simile, le reazioni sistemiche sono state più comuni durante la immunoterapia orale che durante la terapia sublinguale.

Alla fine della terapia, i risultati del skin prick test titolati per latte vaccino e l'espressione di CD63 e CD203c erano diminuiti e i livelli di IgG4 CM-specifici erano aumentati in tutti i gruppi, mentre i valori delle IgE latte vaccino-specifiche e i valori della istamina rilasciata spontaneamente erano diminuiti solo nel gruppo immunoterapia orale.

In conclusione, la immunoterapia orale è risultata più efficace per la desensibilizzazione al latte vaccino rispetto alla immunoterapia sublinguale da sola, ma è stata accompagnata da più effetti collaterali sistemici.
La desensibilizzazione clinica è stata persa in alcuni casi entro 1 settimana senza terapia. ( Xagena2012 )

Keet CA et al, J Allergy Clin Immunol 2012; 129: 448-455


Med2012 Farma2012


Indietro